NON C’è SCONFITTA NEL CUORE DI CHI LOTTA

 

…e non c’è più alcuna lotta nel cuore di chi ormai è sconfitto.

11836877_10206674477481456_7957565757153560673_n

E’ questo l’incipit del mio nuovo articolo, incipit dettato senza dubbio dalla situazione in cui mi trovo in questo momento ma in qualche modo riassuntivo, comunque, di questo 2016 ormai agli sgoccioli.

Come da tradizione, arrivata la vigilia di Natale, tiro le somme dell’anno che sta passando non perchè creda che le cose possano cambiare radicalmente tra il 31 Dicembre e il 1 Gennaio: siamo sempre le medesime persone con il medesimo carattere, pregi e difetti. Comunque la si voglia vedere, però, l’ultimo dell’anno è la chiusura di un ciclo, tra qualche giorno abbandoneremo il 6 alla fine della data per mettere il 7 per altri 365 giorni e questo instilla nelle persone tante speranze e molti propositi che svaniranno nel giro di poco tempo nella maggior parte dei casi. Personalmente scandisco la mia vita in anni per fare il riassunto di un blocco di essa e confrontarlo con il blocco precedente per capire cosa effettivamente sia cambiato, credo sia un passaggio fondamentale nel miglioramento (o peggioramento, a seconda degli obiettivi personali) di un individuo.

Riprendiamo quindi come spunto il titolo… NON C’è SCONFITTA NEL CUORE DI CHI LOTTA: perchè questa frase può in qualche modo riassumere il mio anno?

Avevo tre obiettivi, tre sogni all’inizio del 2016 e sono orgoglioso di dirvi che sono riuscito, non solo per meriti miei, a renderli realtà; ovviamente c’è sempre una componente di fortuna che accompagna le cose della vita ma del resto un vecchio detto dice che la fortuna aiuta gli audaci. Non sono ancora pronto a parlarvi apertamente di quali fossero questi tre sogni, qualcuno di voi già li conosce, qualcun altro ha contribuito a renderli realtà, altri non hanno la più pallida idea di cosa stia parlando ma non importa, il punto focale del mio discorso è che bisogna lottare sempre, credere sempre in qualcosa e avere un sogno da realizzare. La mia prospettiva per il 2017  è di rafforzare le basi su cui ho fondato e realizzato questi miei obiettivi, renderli duraturi. Purtroppo a volte cadiamo, sbagliamo, sbandiamo e dobbiamo trovare il modo di rialzarci, correggere i nostri errori, rientrare sulla giusta strada ma se dai nostri sbagli riusciamo a trarre il giusto insegnamento non saranno sbagli fine a se stessi, ci consentiranno di migliorare per noi e per le persone che abbiamo accanto che su di noi fanno affidamento.

Ringrazio di cuore chi mi ha aiutato, sostenuto e rimproverato, chi si è arrabbiato con me e chi mi ha spronato… credo che tutti voi che leggerete queste righe abbiate avuto un piccolo ruolo (anche inconsapevolmente) nel mio 2016 quindi GRAZIE, se fossi da solo non sarei nulla. E infine grazie a te, che sai sopportarmi, che mi fai sentire migliore, che mi rendi migliore.

 

 

A. Comai

 

“La bicicletta insegna cos’è la fatica, cosa significa salire e scendere, non solo dalle montagne, ma anche nelle fortune e nei dispiaceri, insegna a vivere. Il ciclismo è un lungo viaggio alla ricerca di se stessi”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...